Biografia del team

Il nostro progetto sportivo nasce nel 2009 quando Angelo Citracca, storico team manager della squadra che sorge in cima al colle del San Baronto, decide di compiere il passo che porta una delle squadre più vincenti tra i dilettanti nel professionismo. Otto lunghi anni tra gioie e dolori ma ricchi di emozioni, le stesse che hanno di fatto portato al ritorno in grande stile in gruppo di due storiche aziende italiane, la Wilier Triestina e la Selle Italia, due brand che nella loro tradizione ultracentenaria si sono imposti nel mercato mondiale.

110 anni appena compiuti per la Wilier Triestina, 120 per la Selle Italia, due anniversari storici così come storico è stato il 100° Giro d’Italia in cui la squadra ha partecipato nel maggio scorso, l’ottavo in nove anni di attività a dimostrare la forza di un progetto che tende a lanciare nel ciclismo grandi talenti nostrani e non.

Una squadra capace di vincere per due volte negli ultimi anni la Coppa Italia, sfiorando la tripletta nel finale della  stagione 2017 al termine della quale il nostro team è risultato la squadra italiana più vincente del quadriennio,

Nel 2017 la squadra è riuscita ad imporsi per ben 18 volte portando alla vittoria 3 corridori diversi e conquistando oltre alle corse su strada anche delle grandi soddisfazioni in pista con Liam Bertazzo, bronzo mondiale nell’inseguimento ad Hong Kong con uno storico record italiano, in una stagione condita anche dalla partecipazione in tre delle cinque Classiche Monumento del calendario World Tour.

A guidare questo gruppo in un 2018 ricco di sfide ci saranno due uomini simbolo del movimento ciclistico italiano, Filippo Pozzato e Jakub Mareczko.

Il primo ha un palmares unico in Italia tra coloro che puntano alle corse di un giorno con ben 27 vittorie in carriera tra cui una Milano – Sanremo, due tappe al Tour de France, una tappa al Giro d’Italia, la classifica finale della Tirreno – Adriatico e un campionato italiano. Il secondo ha invece in carniere 39 successi raccolti in tutto il mondo in soli tre anni di professionismo, risultati impressionanti che hanno coinvolto il CT della Nazionale Under 23 Marino Amadori a concedergli i gradi di capitano nella rassegna iridata di Doha 2016, una fiducia che è stata ripagata ampiamente da Mareczko che ha conquistato l’unica medaglia azzurra nelle prove in linea al maschile.

A Doha c’era anche Filippo Pozzato, una delle ultime vere e proprie star a livello internazionale. L’attenzione dei media italiani e non è testimoniata dalla docu-intervista che la rete televisiva belga Sporza gli ha fatto nei giorni precedenti alla Milano – Sanremo seguendolo in ritiro. Nella patria del ciclismo Pozzato è secondo solo a Tom Boonen come affetto, un successo riscosso anche in Italia dove in ogni corsa, Giro d’Italia compreso, rappresenta una vera calamita per fan e giornalisti grazie al suo carattere sempre disponibile.

Serviranno loro e non solo per permettere alla Wilier Triestina – Selle Italia di confermarsi tra le big del ciclismo mondiale anche in questa stagione. Vi aspettiamo in strada, tifosi, il vostro sostegno sarà prezioso anche in questa stagione

#LoveMyWilier #EnjoYouRide